Leader nel Regno Unito
Piattaforma indipendente
Specialisti in ascensori

State cercando la riparazione di un ascensore a piattaforma, di un ascensore per l'accessibilità o di un ascensore per sedie a rotelle?

Una ricerca mostra che l'accesso alla High Street per le persone disabili rimane "lento"

L'ultima indagine dell'organizzazione no-profit per le disabilità rivela che quasi un quarto dei rivenditori di moda non ha un accesso senza gradini, e solo 10% offre loop acustici per aiutare gli acquirenti non udenti.

Se confrontati con un'indagine più ampia condotta nel 2014, i risultati mostrano una performance simile o, in alcuni punti, peggiore rispetto al passato.

Sono passati due anni da quando DisabledGo ha scioccato il governo con prove che evidenziavano l'inaccessibilità della High Street britannica per le persone disabili.

Nel 2014, i fornitori di informazioni sull'accessibilità hanno visitato di persona oltre 25.000 negozi e ristoranti. Si è trattato di una delle più grandi valutazioni di questo tipo nel Regno Unito.

Ma se si va avanti fino al 2017, la loro più recente istantanea su 1.295 rivenditori di moda mostra che non è cambiato molto.

Parlando dei risultati, Anna Nelson, direttore esecutivo di DisabledGo.com, afferma che "i progressi sono stati lenti".

"Speravamo che l'indagine mostrasse un miglioramento rispetto agli ultimi due anni, ma purtroppo non è così".

Questa settimana mi sto occupando della disabilità e dell'industria della moda, nell'ambito della settimana Disability Works della BBC, e mi sono stati forniti questi dati esclusivi.

Dei 1.295 rivenditori di moda che DisabledGo ha visitato, oltre 60% non hanno fornito al personale alcuna formazione sulla disabilità - un leggero miglioramento rispetto all'audit del 2014.

Tuttavia, un numero minore di rivenditori è stato in grado di fornire un circuito acustico e la situazione per le persone in sedia a rotelle è leggermente peggiorata.

Barriere in High Street

Dei 1.295 rivenditori di moda visitati da DisabledGo:

  • Il 23% non aveva accesso per le persone in sedia a rotelle.
  • 96% sono stati in grado di fornire un posto dove sedersi e riposare
  • Solo il 10% disponeva di un circuito uditivo per gli acquirenti con apparecchi acustici.
  • Solo 38% hanno organizzato una formazione sulla disabilità per il personale.

Senso degli affari

Gli ultimi dati del Dipartimento per il Lavoro e le Pensioni mostrano che il potere di spesa collettivo delle persone disabili, spesso definito "sterlina viola", è salito a 249 miliardi di sterline.

"Si potrebbe pensare che questo, insieme all'obbligo legale per ogni rivenditore di fare adeguamenti ragionevoli, sia stato un catalizzatore per il cambiamento", dice Anna Nelson di DisabledGo.com.

"Per noi, fornire un ottimo servizio alle persone disabili dovrebbe significare solo fornire un ottimo servizio ai clienti".

Media captionIl potere della "libbra viola" spiegato

La legge sull'uguaglianza del 2010 ha lo scopo di garantire alle persone disabili la parità di accesso in tutti gli ambiti della vita. Ciò può significare cambiare il modo in cui i servizi vengono erogati, fornire attrezzature supplementari e/o rimuovere le barriere fisiche.

Ma quando si tratta di moda, le barriere che le persone disabili devono affrontare non si fermano solo all'accesso fisico. Secondo l'associazione di beneficenza Scope, la rappresentazione della disabilità nella High Street "semplicemente non è all'altezza".

Eppure ci sono segnali che indicano che il governo sta riconoscendo questo problema.

In una dichiarazione alla BBC, Penny Mordaunt, Ministro di Stato per le persone con disabilità, ha affermato: "Le nostre vetrine, le pagine delle riviste e le passerelle dovrebbero riflettere la diversità della nostra società, e voglio vedere le aziende fare uno sforzo reale per essere aperte a tutti".

"Ecco perché questa settimana ho annunciato nuovi campioni per affrontare i problemi dei consumatori disabili, dall'acquisto di vestiti ai viaggi all'estero. Essi evidenzieranno l'importanza di essere inclusivi, sfruttando al contempo la capacità di spesa di 249 miliardi di sterline dei consumatori disabili".

Una donna in missione per cambiare le cose è la presentatrice di Channel 4 e designer di prodotti Sophie Morgan.

Nel 2010 ha progettato e sviluppato il "mannequal", una sedia a rotelle per un manichino seduto.

Avendo fatto la modella in passato, Sophie è appassionata del fatto che la moda sia "per ogni corpo".

Intorno al 2012 è riuscita a far apparire il suo manichino sulla facciata di un grande negozio della High Street. Il suo prodotto è stato utilizzato come parte di una campagna durante le Paralimpiadi di Londra.

Ma non appena i Giochi sono finiti, sono finiti anche la campagna e l'uomo di Sophie.

Disillusa dagli infiniti ostacoli, Sophie mise a riposo il suo compagno.

Ma ora sente che è il momento giusto per riprovarci.

Ho incontrato Sophie a Londra per vedere il suo prodotto, appena uscito dalla linea di produzione. È la prima volta che lo vede in un negozio dopo quasi cinque anni.

"Gli stilisti si stanno aprendo all'opportunità creativa della diversità. Ma mentre il pubblico e la stampa riconoscono e celebrano l'uguaglianza in passerella, questo non è ancora arrivato in strada.

"Il prodotto in sé è solo una piccola cosa. Dobbiamo spingere affinché i rivenditori dicano: "Sì, ok, ti ascoltiamo"", dice Sophie.

"Questa sedia è solo una piccola cosa nel quadro generale, ma sento che è per questo che l'ho fatto, per fare piccoli passi e vedere cosa succede. E questo è quel passo".

In risposta ai risultati dell'ultima indagine, il British Retail Consortium ha dichiarato che i rivenditori stanno lavorando duramente per garantire che i negozi siano il più possibile accessibili.

"Per esempio, molti hanno corridoi ampi, offrono rampe in alternativa alle scale e hanno personale a disposizione per fornire ulteriore assistenza se necessario.

"Purtroppo i rivenditori possono essere limitati nel decidere quali ragionevoli adattamenti possono essere fatti a causa dell'età o del design di un edificio, ma avranno altre politiche in atto per aiutare l'accesso a quel servizio".

Siamo uguali

Lontano dalla High Street, il duo di stilisti britannici Teatum Jones ha fatto un passo da gigante alla London Fashion Week di quest'anno.

Il casting di Kelly Knox, nata senza la metà inferiore del braccio sinistro, e dell'amputato Jack Eyers è una novità assoluta per la London Fashion Week.

Ma non si tratta di una trovata, né di una campagna. Catherine Teatum e Rob Jones pensano alle persone disabili quando progettano, cosa che non ritengono particolarmente rivoluzionaria.

"Hanno un potere di spesa che nessuno sembra interessato a sfruttare. Quindi questa è una ragione sufficiente per essere onesti, tanto per cominciare", affermano.

"Non abbiamo adattato nulla per questa collezione, abbiamo affrontato lo styling e il casting di questa collezione come avremmo fatto per qualsiasi altra collezione. Il messaggio principale per noi è che ci sentiamo tutti uguali.

"Perché una persona con un handicap, magari seduta, dovrebbe avere meno voglia di moda di lusso?".

 

Altro dal blog

it_ITItalian